Spesso faccio delle liste

liste

Spesso faccio delle liste.

La lista della spesa, la lista delle cose da fare, la lista delle cose da cucinare, la lista delle cose da mettere in valigia.

La lista delle persone da chiamare per invitarle, la lista dei regali di natale.

E poi ancora, la lista degli acquisti ikea, la lista delle cose da chiedere al medico, la lista dei libri letti.

Le faccio un po’ dove capita, su un foglio bianco, su un foglio a righe, su un file di testo, sul sito di ikea, su una lavagnetta.

Negli anni resto più o meno stabile. Quindi non credo di aver raggiunto un livello patologico. Anche se per un attimo ci ho pensato stamattina. Ci ho pensato quando il mio Uomo di casa mi ha guardata, mentre facevo la lista delle cose da fare per ridipingere il corridoio, e mi ha detto:

Ti piace fare le liste eh?

Ho esitato per qualche istante mentre pensavo:

Questa cosa che faccio è talmente maniacale che se n’è accorto. Ora starà pensando che sono pazza, o che ho seri problemi di memoria, o che… No aspetta. Le liste per un informatico dovrebbero essere roba positiva…

Ho sollevato lo sguardo dal foglio e ho detto:

Si, mi fanno sentire a metà dell’opera. Mi danno una sorta di ordine mentale, come se con una lista riuscissi a procedere più velocemente verso l’obiettivo da raggiungere

E poi ho terminato la lista, stupita della mia stessa risposta.

Intanto nel corridoio non è successo ancora nulla, visto che sono un paio di giorni che ho un sonno indescrivibile, manco fosse Aprile.

Aprile dolce dormire, lo sentivo sempre da piccola.

E io quest’anno Aprile l’ho saltato, sono stata 336 ore fuori casa, e quindi voglio dormire ora.

Poi appena mi sarò riposata e mi sarò armata di un grande pennello, vi allieterò con una dettagliatissima descrizione della mia prossima opera d’arte.
Siete felici eh?

10 commenti
  1. Migrante
    Migrante dice:

    w le listeeeeee
    io nn solo le faccio, ma quelle dei
    – bagagli x viaggi fatti
    – invitati a feste compleanno
    – regali natale fatti
    le conservo !!!!!
    (a penna e matita eh, mica a PC in ordinata tabella excel !!!)

    Rispondi
  2. tiziana
    tiziana dice:

    allora mi batti!
    io non le conservo e anzi.. col passare degli anni sto cercando di conservare sempre meno roba riguardante i viaggi, per esempio ultimamente un tovagliolo di carta di un bar ungherese l'ho buttato 😉

    Rispondi
  3. lutlia
    lutlia dice:

    in simultanea trasloco+gravidanza+lavoro+università, senza le liste sarei morta (ma pure con le liste non mi sento tanto bene):
    da prendere da: Ikea, Brico, Comet, Coop…
    da fare a casa (tutto!, dall'appendere i quadri a svuotare gli scatoloni a riordinare i CD…)
    cosa serve alla bimba
    da portare a Napoli
    da portare *da* Napoli
    (e a/da Roma)
    lavori da finire in ordine di importanza (non subordinato alla paga – quale paga?)
    telefonate da fare
    prossimi esami(universitari)
    prossimi esami (ospedalieri)
    libri da procurarmi per l'uni, per il lavoro, per la bimba
    robe di burocrazia prioritarissime e trascurate da mesi e mesi…
    desideri e cantieri di san Pietro: prendere piante al vivaio da mettere in giardino… una depilazione come si deve… coltivare l'orto…

    Rispondi
  4. francesca
    francesca dice:

    io mi sono arresa: per anni ho compilato liste che mai ho consultato, visto che le perdevo o dimenticavo chissà dove.
    adesso improvviso.
    e infatti trovandomi in una condizione molto simile alla signora commentatrice qui sopra, ovvero gravidanza-trasloco-lavoro-nanerottola-maritoinmalesia, sguazzo nel caos: i quadri sono da appendere, idem le tende, la nana va a scuola con le scarpe coi lacci spaiati, la creatura nella panza nascerà chissà dove visto che ho smarrito la lista delle rogne burocratiche (quella fatta quando aspettavo la nana n°1), passeggino smarrito tra parenti, culla in soffitta..
    ..quasi quasi faccio una lista di tutte le cose di tutte le cose che NON farò, tanto per quantificare i sensi di colpa che dovrò ingoiare.
    baci.
    Fra

    ps: ma perchè non te ne sali a roma un we con l'ex bionda ormai mora e vieni a guardare con me, con aria scettica, l'osceno armadio che ho in corridoio?? magari in due troviamo una soluzione..

    Rispondi
  5. tiziana
    tiziana dice:

    @fra: farai una lista per quantificare i sensi di colpa ma poi la perderai e sarà stato inutile 😛

    rps: con piacere! ammettiamolo non si può resistere dal correre a guardare in compagnia un armadio osceno 😀

    Rispondi
  6. tiziana
    tiziana dice:

    vabhè ho capito, per l'armadio di Fra, bisogna andare lì in tuta bianca, come la tipa di Paint your life… e magari fare qualcosa "meglio" di come lo farebbe lei 😛

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi a tiziana Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.